banner

The Jerry Thomas Project

Il progetto nasce nell’autunno 2009 ad opera di Antonio Parlapiano, Roberto Artusio e Leonardo Leuci, alcuni tra i migliori bartender della capitale,  ai quali si affiancherà in seguito Alessandro Procoli. Alla base lo scopo di creare un gruppo di condivisione delle informazioni, oltre alla crescita professionale, attraverso seminari tenuti dai migliori professionisti dell’industry. 

A tal proposito viene contattato Stanislav Vadrna, straordinario collega slovacco e ponte ideale tra lo stile giapponese e quello londinese del bartending. Inizia così una collaborazione che porta l’ “Analog Bartending Institute” di Stan in tre tra le maggiori città italiane: Roma, Milano e Torino. 

Durante l’organizzazione del primo dei tre, a Roma, si cemente la collaborazione tra i tre fondatori del gruppo anche grazie alle continue riunioni necessarie. Una di queste riunioni avviene presso quello che oggi è il Jerry Thomas Speakeasy, durante la quale i tre vengono a sapere che il locale è in vendita. Dopo una trattativa abbastanza veloce, il locale viene rilevato ed iniziano i lavori di ristrutturazione necessari allo sviluppo di un concetto del tutto innovativo per la scena dell’ospitalità italiana: lo “Speakeasy Style Bar”.

 

Speakeasy, boys!

 

La parola d'ordine

Per accedere allo Speakeasy devi conoscere la parola d'ordine:

Qual era il nome del famoso Caffè dove il Conte Camillo Negroni Contribuì alla Creazione del famigerato Cocktail?

Scegli la risposta corretta.

Protezione privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

Newsletter

Protezione privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

Rome

Only if you know
the password

You can access
the Speakeasy